Le città di 10,000 si impegnano a garantire la qualità dell'aria e ad allineare le politiche sui cambiamenti climatici e sull'inquinamento atmosferico di 2030 - BreatheLife2030
Aggiornamenti di rete / New York City, Stati Uniti d'America / 2019-09-22

Le città di 10,000 si impegnano a garantire la qualità dell'aria e ad allineare le politiche sui cambiamenti climatici e sull'inquinamento atmosferico di 2030:

L'annuncio è in linea con un appello ai governi a tutti i livelli delle Nazioni Unite affinché si impegnino a pulire l'aria per motivi di salute e clima

New York City, Stati Uniti d'America
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 2 verbale

Oltre 10,000 città del Patto globale dei sindaci si sono impegnate a concentrarsi sul raggiungimento di una qualità dell'aria sicura per i cittadini e ad allineare le politiche sui cambiamenti climatici e sull'inquinamento atmosferico da parte di 2030.

Il sindaco di Accra Mohammed Adjei Sowah ha fatto l'annuncio a nome del GCoM, la più grande alleanza globale per la leadership climatica della città, in un evento della coalizione sui driver sociali e politici dell'azione per il clima che ha portato al vertice sull'azione per il clima di lunedì.

"Per aiutare le città che hanno preso singolarmente questo impegno, GCoM e l'OMS hanno collaborato a un pacchetto di assistenza tecnica, che riunisce le risorse esistenti tra le reti cittadine e identificherà le necessità di ulteriore supporto per aiutare le città a raggiungere questi obiettivi di qualità dell'aria", ha affermato Il sindaco Sowah al Azione per il clima per la salute: ridurre le emissioni, pulire la nostra aria, salvare vite evento.

I membri della città e del governo locale di GCoM 10,000 provengono da sei continenti e paesi 139, che rappresentano collettivamente più di 800 milioni di persone.

L'annuncio GCoM è in linea con una chiamata ai governi a tutti i livelli da parte di varie agenzie delle Nazioni Unite impegnarsi nell'aria sicura da respirare, attuare e allineare le politiche sull'inquinamento atmosferico e sul clima di 2030, tenere traccia degli impatti sulla salute di queste politiche e riferire su progressi, esperienze e migliori pratiche su piattaforme come BreatheLife.

Parte di "impegno per la salute", È uno dei due impegni plasmati dall'OMS e dai partner nell'ambito della Coalizione dei driver sociali e politici - uno dei nove gruppi multi-stakeholder incaricati di sviluppare" iniziative che dimostrano importanti cambiamenti verso la neutralità del carbonio da parte di 2050 nell'economia o forniscono soluzioni credibili per ridurre i costi finanziari e sociali della transizione a sostegno di azioni rafforzate da parte dei paesi ”.

La coalizione è guidata dai governi del Perù e della Spagna, dall'OMS, dal Dipartimento delle Nazioni Unite per gli affari economici e sociali e dall'Organizzazione internazionale del lavoro e ha il compito di sviluppare iniziative per migliorare la salute, ridurre le disuguaglianze, promuovere la giustizia sociale e massimizzare le opportunità di lavoro dignitoso, mentre proteggere il clima.

L'impegno per l'aria pulita si basa sul fatto che gli stessi processi umani che causano il riscaldamento globale producono anche inquinamento atmosferico: le emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili causano malattie respiratorie e cardiache, ictus, cancro ai polmoni e colpiscono tutti gli organi del corpo umano.

L'inquinamento atmosferico uccide oltre 7 milioni di persone ogni anno, circa uno su otto decessi in tutto il mondo e causa danni alla salute a lungo termine, come malattie polmonari e cardiache croniche e cancro.

Ma gli effetti sulla salute dei cambiamenti climatici si estendono molto di più, includendo una serie di impatti diretti e indiretti, come ad esempio esacerbare i rischi di malattie infettive come la malaria, la dengue, la Zika e il colera e alimentare eventi meteorologici estremi che distruggono vite e mezzi di sussistenza e avere conseguenze potenzialmente durature per la salute mentale.

“Il nostro messaggio al mondo è che la crisi climatica è una crisi sanitaria. La salute è anche un argomento forte per il motivo per cui dobbiamo agire ora ", ha affermato il direttore generale dell'OMS, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Collegare i punti tra i silos convenzionali è stato un filo conduttore nelle discussioni in vista del vertice sull'azione per il clima, poiché i governi subnazionali di tutte le principali regioni discutono dell'azione per il clima nel contesto della salute, dell'uguaglianza e della giustizia sociale, tra gli altri legami di sviluppo sostenibile.

È ormai noto che l'azione nelle città sarà sempre più importante: da 2050, oltre i due terzi della popolazione mondiale vivrà nelle aree urbane, da metà ora in poi, e sono responsabili di tre quarti delle emissioni di carbonio legate all'energia .