Un terzo dei rifiuti urbani finisce in discariche o ambienti aperti in America Latina e nei Caraibi - BreatheLife 2030
Aggiornamenti di rete / Buenos Aires, Argentina / 2018-11-08

Un terzo dei rifiuti urbani finisce in discariche o ambienti aperti in America Latina e nei Caraibi:

Paesi a chiudere progressivamente le discariche a causa dei loro effetti nocivi sulla salute umana e sull'ambiente

Buenos Aires, Argentina
Forma Creato con Sketch.

A settembre 1997, Doña Juana, un'importante discarica di Bogotá, in Colombia, è diventata sinonimo del costo umano e finanziario delle discariche mal gestite: è crollata, ha mandato tonnellate di rifiuti nel fiume Tunjuelo, esponendo materiali tossici e liberando fumi nocivi che sparsi per la capitale.

Coloro che vivono nella zona e le centinaia di raccoglitori di rifiuti che vivono in discarica hanno fatto causa per le conseguenze sulla salute dell'incidente - malattie respiratorie, allergie, infezioni della pelle e vomito- e le vittime di 2,000 hanno ricevuto 227 milioni di pesos.

Questo è stato un ammonimento in un recente rapporto delle Nazioni Unite sull'ambiente che ha esortato i paesi a chiudere progressivamente discariche aperte, che espongono le comunità circostanti e coloro che lavorano a raccogliere materiali per gravi rischi per la salute.

Secondo l'ultimo Prospettive di gestione dei rifiuti per l'America Latina e i Caraibiun terzo di tutti i rifiuti generati nelle città dell'America Latina e dei Caraibi finisce in discariche o nell'ambiente, inquinando il suolo, l'acqua e l'aria e minacciando la salute della popolazione.

Solo l'10% di tutti i rifiuti viene recuperato nella regione LAC, dove si prevede che la produzione di rifiuti aumenti di almeno 25 per cento da 2050.

"I paesi dell'America latina e dei Caraibi dovrebbero considerare la gestione dei rifiuti una priorità politica prioritaria come un passo fondamentale per rafforzare l'azione per il clima e proteggere la salute dei suoi abitanti", ha dichiarato il direttore regionale dell'Ambiente delle Nazioni Unite per l'America Latina e i Caraibi, Leo Heileman.

Il rapporto avverte che oltre 35,000 tonnellate di rifiuti al giorno rimangono non raccolti, il che colpisce più di 40 milioni di persone, specialmente nelle aree povere e nelle comunità rurali.

Ciò ha impatti critici sulla qualità dell'aria per queste comunità e oltre: secondo il GEO6, le discariche di rifiuti e sanitari e la combustione di biomassa sono tra le maggiori fonti di inquinamento atmosferico dell'America Latina.

I rifiuti organici rappresentano in media il 50% di tutti i rifiuti prodotti nella regione, ma sono i meno gestiti, una situazione che causa la produzione di gas a effetto serra, in particolare metano e anidride carbonica.

Il metano, un inquinante atmosferico di breve durata, è un precursore dell'ozono a livello del suolo, l'ingrediente principale dello smog urbano e dannoso per la salute umana, le colture e le foreste, ed è il più grande contributo alla produzione di gas serra dal settore dei rifiuti.

La combustione dei rifiuti contribuisce a creare un altro inquinante climatico di breve durata: il carbone nero. Secondo il 2014 Piano d'azione regionale sull'inquinamento atmosferico per l'America Latina e i Caraibi, i rifiuti che bruciano nelle discariche sono una delle fonti più significative di carbone nero nella regione.

Se inalato, è associato a malattie respiratorie e cardiovascolari, cancro e persino difetti alla nascita.

La combustione dei rifiuti causa anche concentrazioni di inquinanti organici persistenti (POP), protossido di azoto (N2O), ossidi di zolfo (SOx) e metalli pesanti nell'aria a salire.

Ma il rapporto descrive anche una regione che ha sperimentato un miglioramento quantitativo e qualitativo nella copertura della raccolta dei rifiuti - servizi che coprono più dell'90% della popolazione.

Racconta le storie di esperienze e lezioni apprese nel tentativo di chiudere il ciclo di gestione dei rifiuti, tra cui:

• migliaia di tonnellate di cibo risparmiato dalla discarica in Messico attraverso un programma Food For All;
• uno scambio di prodotti riciclabili per il cibo in Brasile;
• l'obbligo per i produttori di soddisfare gli obiettivi annuali di recupero dei rifiuti in Ecuador;
• un impianto di compostaggio in Argentina con la capacità di trasformare fino a 2,000 tonnellate di rifiuti verdi al mese in compost per coprire discariche sanitarie o fertilizzare le piante; e
• il divieto di sacchetti di plastica in Antigua e Barbuda.

Infatti, da 2012, la discarica di Doña Juana a Bogotá era la casa di uno dei più grandi progetti di Clean Development Mechanism in America Latina, che comprende la cattura, la combustione e l'utilizzo di gas di discarica (LFG) per la produzione di energia in loco o nelle industrie vicine.

Leggi qui il comunicato stampa sull'ambiente delle Nazioni Unite: Un terzo dei rifiuti urbani finisce in discariche o ambienti aperti in America Latina e nei Caraibi

Leggi il rapporto completo qui (in spagnolo e inglese).


Banner foto di D'Arcy Norman /CC BY 2.0