Le targhe dei veicoli verdi possono incoraggiare il passaggio a veicoli più puliti: BreatheLife 2030
Aggiornamenti città / Londra, Regno Unito / 2018-09-26

Le targhe verdi dei veicoli possono incoraggiare il passaggio a veicoli più puliti:

Assegnare targhe verdi a veicoli elettrici e altri veicoli a basse emissioni può incoraggiare le persone ad acquistare e utilizzare auto meno inquinanti

Londra, Regno Unito
Forma Creato con Sketch.

Questo articolo è apparso originariamente sul sito web delle Nazioni Unite.

Il governo del Regno Unito ha annunciato su 9 September 2018 che sta cercandoconsultazionisull'introduzione di uno schema di targa verde per veicoli a basse emissioni.

"Aggiungere un distintivo d'onore verde a questi nuovi veicoli puliti è un modo brillante per aiutare ad aumentare la consapevolezza della loro crescente popolarità nel Regno Unito, e potrebbe semplicemente incoraggiare le persone a pensare a come adattarsi alla loro routine di viaggio", ha detto Chris Graying, il ministro dei trasporti del Regno Unito.

Gli schemi di targa verde sono già in uso in Cina e in Canada sui veicoli a basse emissioni per renderli distinti dagli altri. Gli schemi di targa verde possono aiutare a supportare incentivi locali specifici per veicoli a basse emissioni, consentendo l'accesso a bus speciali o corsie dedicate, aree di ricarica, parcheggi agevolati o zone a emissioni ultra basse.

La Norvegia ha uno schema simile in cui le targhe sono precedute da lettere come EK o EL per indicare che sono alimentate elettricamente o che funzionano con carburante alternativo. Le vendite di auto elettriche e ibride in Norvegia hanno superato quelle che hanno funzionato con combustibili fossili lo scorso anno, consolidando la posizione del paese come leader globale nella spinta per ridurre le emissioni dei veicoli.

Una delle maggiori sfide alla diffusione capillare dei veicoli elettrici è il cosiddetto "range di ansia" in base al quale gli automobilisti temono di non avere abbastanza autonomia per raggiungere la loro destinazione. Ecco perché è vitale che i paesi sviluppino un'infrastruttura di ricarica. Lo sviluppo di una rete di questo tipo può essere particolarmente difficile nei paesi con grandi distanze da coprire.

"L'inquinamento atmosferico è la più grande emergenza sanitaria pubblica del nostro tempo. Incentivi come le targhe verdi per i veicoli a basse emissioni possono fare molto per incoraggiare una transizione verso i veicoli elettrici. E quando faremo questa transizione, respireremo aria molto più pulita ", ha affermato Joyce Msuya, Vice Direttore Esecutivo di UN Ambiente.

Il Regno Unito ha ospitato il primo al mondoVertice del veicolo a emissioni zerosu 10 a 12 settembre 2018, per discutere lo sviluppo e l'adozione di veicoli a zero emissioni. Il vertice ha riunito ministri, leader del settore e rappresentanti del settore di tutto il mondo per affrontare le emissioni di carbonio e trovare soluzioni per migliorare la qualità dell'aria.

Cosa ci sta facendo l'inquinamento atmosferico?

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, sette milioni di persone muoiono ogni anno a causa di esposizione ad aria inquinata, sia al chiuso che all'aperto. Le morti e le malattie causate dall'inquinamento atmosferico sono in gran parte dovute a minuscole particelle invisibili nell'aria, note come particelle, che possono essere piccole come una molecola. Queste particelle sono grumi di veleno, contenenti qualsiasi cosa, dal carbone nero (fuliggine), ai solfati da piombo. Le particelle più piccole sono le più letali: PM2.5particelle, che sono 2.5 micron o meno di diametro, e PM10, che sono 10 micron o meno di diametro. Questi minuscoli assassini aggirano le difese del corpo e si insinuano nei polmoni, nel flusso sanguigno e nel cervello.

L'inquinamento atmosferico non uccide solo, comunque. Contribuisce anche ad altre malattie, ostacola lo sviluppo e causa problemi di salute mentale. L'inquinamento atmosferico influisce sulla salute umana e sulla crescita economica. Molti degli inquinanti causano anche il riscaldamento globale, come il carbone nero, prodotto da motori diesel, rifiuti bruciati e fornelli sporchi. Se dovessimo ridurre le emissioni di questi inquinanti, potremmo rallentare il riscaldamento globale fino a 0.5 ° C nei prossimi decenni.

Programma di mobilità elettrica dell'ambiente delle Nazioni Unite

UN AmbienteProgramma di mobilità elettricalavora con paesi, in particolare le economie emergenti, per passare dai combustibili fossili ai veicoli elettrici, compresi autobus, 2 e 3 e veicoli leggeri.

Il settore dei trasporti di oggi è quasi completamente dipendente dai combustibili fossili, ma questo non deve essere il caso. A titolo di esempio, paesi come la Norvegia e la Cina hanno messo in atto politiche per sostenere l'uso di veicoli elettrici, con un successo misurabile. Tali pratiche devono essere ridimensionate e replicate in tutto il mondo.

L'ambiente delle Nazioni Unite utilizza la sua vasta rete e contatti con i paesi per promuovere la mobilità elettrica, con particolare attenzione allo sviluppo di politiche di mobilità elettrica nazionali e subnazionali, convocando le parti interessate per delineare strategie e tabelle di marcia regionali, supportando i piloti dimostrativi e facilitando lo scambio delle migliori pratiche e opzioni tecnologiche pulite.

Respirare la vita: una campagna globale per l'aria pulita

il globale#BreatheLifeLa campagna, guidata dall'Organizzazione mondiale della sanità, dall'ambiente delle Nazioni Unite e dalla Coalizione per il clima e l'aria pulita, sostiene una serie di iniziative aeree più pulite che coprono città, regioni e paesi 39, raggiungendo oltre 80 milioni di persone.

Istituendo politiche e programmi per ridurre le emissioni di trasporto e di energia e per promuovere l'uso di energia pulita, le città stanno guidando il cambiamento e migliorando la vita di un gran numero di persone.

Respirare la vita: guido un'auto elettrica


bandierafoto di Norsk Elbilforening, CC BY 2.0.