L'assemblea ad alto livello del CCAC aumenta l'ambizione di affrontare la sfida 1.5 ° C - BreatheLife 2030
Aggiornamenti di rete / Katowice, Polonia / 2018-12-19

L'Assemblea di alto livello della CCAC aumenta l'ambizione di affrontare la sfida 1.5 ° C:

L'Assemblea di alto livello 10th, tenutasi al COP24 la scorsa settimana, ha riconosciuto l'importanza dell'integrazione delle azioni sulla qualità dell'aria e del clima e passa il "Programma di azione CCAC per affrontare la sfida di 1.5 ° C"

Katowice, Polonia
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 7 verbale

Questo articolo è stato scritto dalla Climate and Clean Air Coalition. È apparso per la prima volta qui.

Ministri e rappresentanti ad alto livello del clima e della Clean Air Coalition (CCAC) hanno concordato di portare avanti un ambizioso programma d'azione nell'assemblea ad alto livello 10th della Coalizione alla riunione sul clima delle Nazioni Unite (COP24) a Katowice, in Polonia.

Il programma d'azione richiede una maggiore ambizione per ridurre rapidamente gli inquinanti atmosferici di breve durata e per garantire che gli sforzi di mitigazione siano integrati allo stesso tempo per affrontare l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico.

Questi sforzi possono evitare 0.6˚C di aumento della temperatura tra oggi e 2050, prevenire milioni di morti premature dall'inquinamento atmosferico, prevenire 50 milioni di tonnellate di perdite di raccolto ogni anno e contribuire a raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Il programma d'azione riconosce che l'azione intrapresa nel prossimo decennio è cruciale se il mondo deve raggiungere l'obiettivo di temperatura 1.5 grado Celsius (1.5oC) dell'accordo di Parigi. Chiede a tutti i partner della Coalizione di "definire e parlare del raggiungimento di una rapida riduzione del tasso di riscaldamento nel breve termine, cercando allo stesso tempo di raggiungere l'obiettivo a lungo termine della temperatura di stabilizzare il sistema climatico".

La co-presidente del gruppo di lavoro CCAC, Alice Kaudia, ha presieduto l'incontro e ha invitato i paesi a condividere opinioni su come aumentare l'ambizione climatica, tenendo conto dei benefici collaterali per l'aria pulita. Ha anche invitato i partner a sostenere il Dichiarazione CCano Talanoa e invio congiunto e di contribuire con risorse al fondo fiduciario e al lavoro della Coalizione.

A nome del segretario di Stato polacco e presidente del COP 24, Kinga Majewska, Dipartimento per la protezione dell'aria e il clima, Ministero dell'Ambiente, Polonia, hanno accolto i partner della coalizione a Katowice e li hanno incoraggiati ad agire dicendo: "Siamo consapevoli che gli accordi politici sono importanti ma dopodiché dobbiamo andare a casa e prendere provvedimenti per dare vita a quegli accordi ".

La signora Majewska ha affermato che l'integrazione degli sforzi per ridurre l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico è stata la stessa, e che la Polonia ritiene che le azioni della Coalizione per ridurre gli inquinanti atmosferici di breve durata siano complementari alle azioni per ridurre il biossido di carbonio (CO2).

David Paul, ministro dell'Ambiente, Marshall Islands, ha chiesto maggiore ambizione e un'azione rapida ed efficace da parte di tutti i paesi, sottolineando che superando il limite 1.5˚C si aggiungeranno conseguenze irreversibili e rischi di punti di non ritorno, rendendo difficile la stabilizzazione del clima.

"Dobbiamo agire e agire rapidamente con l'impatto. Ora capiamo che il percorso per tenerci su 1.5˚C significa profonde riduzioni degli inquinanti climatici a vita breve ", ha detto il ministro Paul. "Dobbiamo essere audaci e dobbiamo essere coraggiosi. Se lo facciamo, ne trarremo tutti i benefici. Quelli che non lo saranno saranno lasciati indietro e perderebbero i benefici che derivano dall'azione per il clima ".

Ministri e rappresentanti ad alto livello di organizzazioni internazionali e non governative hanno fatto riferimento ai risultati del recente Relazione speciale del gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico: riscaldamento globale di 1.5˚C (Rapporto IPCC 1.5˚C), e 2018 Emissions Gap Report delle Nazioni Unite chiedere un maggiore intervento sugli inquinanti atmosferici di breve durata per ridurre rapidamente il tasso di riscaldamento a breve termine e per integrare gli sforzi globali di riduzione di CO2.

Elvestuen, ministro norvegese per il clima e l'ambiente, ha dichiarato: "Il rapporto IPCC 1.5˚C mostra la gravità della situazione in cui ci troviamo. Dobbiamo agire rapidamente e in un modo che permetta di raggiungere l'obiettivo 1.5˚C. La differenza tra un mondo 1.5˚C e un mondo 2˚C è un mondo che non riconosciamo in futuro. "

Per affrontare l'impegnativo compito di raggiungere gli obiettivi climatici e di sviluppo del mondo, il ministro Elvestuen ha affermato che il mondo ha bisogno di tirare tutte le leve possibili per rallentare il riscaldamento.

"Per avere successo a lungo termine, dobbiamo scegliere un percorso che rallenti il ​​tasso di riscaldamento globale nel breve termine", ha detto. "Riducendo sia gli inquinanti climatici a vita breve - come metano, carbonio nero e HFC - sia i gas di lunga durata come CO2, aumentiamo le nostre possibilità di successo".

Satya Triparthi, Segretario generale aggiunto dell'ONU per l'ambiente, ha dichiarato che l'Assemblea di alto livello è uno spazio unico in cui i paesi potrebbero avere il massimo impatto. Ha detto che la sfida del cambiamento climatico sta crescendo esponenzialmente e ha invitato "noi a smettere di pensare nei silos e iniziare a pensare in modo molto integrato" per ridurre le minacce al clima e alla qualità dell'aria.

"Esistono soluzioni per affrontare questi problemi", ha affermato Triparthi. "Abbiamo bisogno di trovare la decisione di prendere i provvedimenti necessari per fare la differenza nella vita di milioni di persone".

L'ONU Environment è orgogliosa di ospitare il segretariato della Coalizione per il clima e l'aria pulita.

La necessità di azione e soluzioni sono state evidenziate in un video mostrato all'incontro.

Rachel Kyte, Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per l'energia sostenibile per tutti, ha affermato che il COP 24 è un passo fondamentale negli sforzi collettivi per sollevare l'ambizione e che la Coalizione per il clima e l'aria pulita è nota per la sua ambizione. Ha invitato i partner della Coalizione a prendere in considerazione la fornitura di soluzioni di raffreddamento ad alta efficienza energetica, osservando che mentre il mondo diventa più caldo e il raffreddamento a efficienza energetica diventa una necessità, non un lusso. Ha invitato la Coalizione a finanziare e implementare soluzioni a basse emissioni di carbonio, a investire in soluzioni tecnologiche a zero emissioni ea pensare sistematicamente a come soddisfare in modo efficace e sostenibile le esigenze delle persone.

Emmanuel de Guzman, Segretario del Cambiamento climatico, Commissione sul cambiamento climatico, Filippine, ha evidenziato i vincitori dei premi 2018 per il clima e l'aria pulita e ha osservato che rappresentano la gamma di soluzioni, progetti e sforzi individuali che si svolgono per ridurre gli inquinanti atmosferici e climatici.

"Il lavoro dei vincitori del premio Climate and Clean Air sta aiutando a trasformare gli atteggiamenti, innescare l'innovazione, fornire opportunità di business e migliorare vite e mezzi di sussistenza", ha affermato. "I vincitori del premio esemplificano l'aspetto del clima, sono eroi di azione rapida".

Migliorare l'ambizione

I ministri hanno delineato le idee per una maggiore ambizione che la Coalizione dovrebbe portare avanti.

James Shaw, ministro dei cambiamenti climatici, in Nuova Zelanda, ha dichiarato che la Coalizione ha fornito uno dei pochi forum per discutere le emissioni di metano dall'agricoltura ed è stato importante per incoraggiare i paesi a includere le emissioni agricole nei loro contributi nazionalmente determinati (NDC).

Il ministro Shaw ha invitato altri paesi della coalizione a unirsi al Iniziativa agricola e per la Coalizione istituire un fondo destinato all'Agricoltura.

"Esiste il timore che l'azione sul cambiamento climatico abbia un impatto sulla sicurezza alimentare e alimentare", ha affermato il ministro Shaw. "Non abbiamo più questa paura. Sappiamo di poter alimentare il mondo e ridurre le emissioni allo stesso tempo. "

Carolina Schmidt, ministro dell'Ambiente, il Cile, ha rilevato che sono necessari ulteriori sforzi per affrontare il cambiamento climatico, anche riducendo gli SLCP. Ha sottolineato l'importanza di affrontare gli SLCP nei settori dei trasporti, dell'energia, delle abitazioni e del raffreddamento e ha affermato che il Cile sta lavorando a una proposta per mitigare il black carbon.

Il ministro Schmidt ha anche detto che la Coalizione Campagna BreatheLife, guidato dall'Organizzazione mondiale della sanità e dall'ambiente delle Nazioni Unite, presenta un'importante opportunità per comunicare i pericoli dell'inquinamento atmosferico e i benefici dell'azione. 10 milioni di persone in Cile soffrono di impatti sulla salute legati all'inquinamento atmosferico e la campagna ha aiutato il Cile a comunicare alle persone i pericoli del riscaldamento delle loro case con legno e biomassa.

Vincent Biruta, ministro delle risorse naturali, terra, foreste, ambiente e miniere, Ruanda, ha sottolineato che un successo chiave dei membri della coalizione è stato il suo lavoro per consegnare e ratificare l'emendamento Kigali al protocollo di Montreal. Ha anche detto che la Coalizione è stata una delle prime a riconoscere i benefici dell'aria pulita dall'aumento dell'efficienza energetica nel raffreddamento.

Il Ministro Biruta ha affermato che la Coalizione ha un'altra opportunità di fornire soluzioni su larga scala e ha invitato la Coalizione a prendere in considerazione la possibilità di cambiare la sua attuale situazione Iniziativa HFC a un'iniziativa di raffreddamento efficiente dal punto di vista energetico.

"L'efficienza energetica nel raffreddamento manca della seria attenzione che merita. Possiamo risparmiare $ 2.9 trilioni di costi operativi e raddoppiare i nostri benefici climatici riducendo gli HFC e aumentando l'efficienza energetica ", ha affermato il ministro Biruta. "Siamo una coalizione che può agire velocemente e il Ruanda è pronto a sostenere gli sforzi del CCAC in questo senso".

Yasuo Takahashi, Vice Ministro per gli affari ambientali globali, Ministero dell'Ambiente, il Giappone, ha detto che il Giappone continuerà a sostenere gli sforzi della Coalizione per ridurre le emissioni dal settore dei rifiuti e sforzi per rafforzare la pianificazione delle azioni nazionali sugli inquinanti atmosferici di breve durata (SNAP). Takahashi ha sottolineato l'importanza dei dati scientifici per integrare gli SLCP nei piani d'azione nazionali e ha affermato che il GOSAT II ha aumentato l'accuratezza per rilevare CO2 e le emissioni di metano e contribuirà ad aumentare la comprensione della distribuzione globale di metano.

C'erano anche delle promesse al fondo fiduciario della Coalizione per contribuire a realizzare questo importante lavoro.

Il Ministro degli Esteri di Monaco, Gilles Tonelli, ha firmato un accordo di donazione con il CCAC per 500,000 Euro per 2018-2019. Il ministro Tonelli ha detto che Monaco è stato coinvolto per molto tempo nel miglioramento della qualità dell'aria e quest'anno ha lavorato con il CCAC per installare il primo monitor di qualità dell'aria su uno stadio a Monaco.

La Finlandia ha sostenuto il programma di azione CCAC e ha annunciato un contributo di Euro 200,000 al fondo fiduciario CCAC. La Finlandia ha anche un pacchetto multimilionario per affrontare il black carbon nell'Artico e sta sviluppando strumenti per valutazioni integrate delle emissioni e vuole lavorare con altri paesi per sviluppare ulteriormente questi strumenti.

La regione belga della Vallonia ha promesso l'Euro 100,000 alla Coalizione. Jean-Luc Crucke, ministro del bilancio, delle finanze, dell'energia, del clima e degli aeroporti della regione vallona, ​​ha affermato che il lavoro del CCAC è fondamentale per fare la differenza tra un mondo 1.5˚C e 2˚C. Il Ministro Crucke ha anche invitato la Coalizione a lavorare su iniziative per aumentare il trasporto attivo, come il ciclismo e il camminare, come alternativa alla guida.

La Coalizione ha inoltre dato il benvenuto a otto nuovi membri come partner. I partner nazionali includono Argentina, Panama e Zimbabwe. I nuovi partner delle ONG includono Oxfam, l'Unione internazionale per i trasporti pubblici, il Clean Air Fund e il Youth Climate Lab. Lo stato americano della California si unì come primo partner subregionale della Coalizione.

La California ha detto di avere un piano attivo per affrontare gli inquinanti climatici di breve durata e svolge un ruolo importante nel piano dello stato di raggiungere la neutralità del carbonio. La California sta inoltre collaborando con il Jet Propulsion Laboratory della NASA per sviluppare un piccolo satellite per monitorare il metano e altri inquinanti climatici di breve durata su scala globale con l'obiettivo di raccogliere dati, identificare punti caldi e regolare le maggiori fonti di metano. La California ha invitato il CCAC a lavorare con loro su questo progetto.

Alla chiusura dell'incontro, Marc Chardonnens, Segretario di Stato, Ufficio federale dell'ambiente, la Svizzera, ha chiesto finanziamenti supplementari per finanziare il lavoro della Coalizione. Il sig. Chardonnens ha accolto favorevolmente l'approvazione della dichiarazione Talanoa, ha incoraggiato i delegati ad essere attivi nei futuri lavori della Coalizione e ha affermato che il programma d'azione CCAC sosterrà i piani d'azione nazionali.

Rodolfo Lacy, direttore dell'ambiente, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha lodato il CCAC Action Program, sottolineando che fornisce una tabella di marcia per affrontare gli SLCP e mira a fornire ambizioni politiche di alto livello, supporto tecnico e assistenza per tradurre i tecnicismi in azione, e scienza e supporto analitico per stimolare un'azione decisiva e immediata.

Chardonnens ha quindi lanciato il programma di azione CCAC per affrontare la sfida 1.5 ° C, osservando che "il duro lavoro inizia ora".

Leggi il rapporto IISD / ENB della riunione qui: Riassunto del 10th Assemblea ad alto livello della Coalizione per il clima e l'aria pulita

Sono disponibili foto IISD dell'evento qui

Leggi l'articolo originale qui.