Lo storytelling mobile può aiutare a porre fine al flagello che brucia le stoppie in India? - BreatheLife 2030
Aggiornamenti di rete / Nuova Delhi, India / 2018-12-10

Lo storytelling mobile può aiutare a porre fine al flagello che brucia le stoppie in India?

Storytelling mobile e corsi di formazione stanno dando agli agricoltori in India il potere di aumentare la propria voce invece di lasciare che altri parlino per loro.

New Delhi, India
Forma Creato con Sketch.
Momento della lettura: 4 verbale

Questo articolo è apparso per la prima volta sul sito Web delle Nazioni Unite. Puoi leggere l'originale qui.

CS Grewal, un uomo potente di 54, con una lunga barba grigia, il turbante rosso e il bastone curvo di Shepard, colpisce una figura impressionante mentre cammina di proposito attraverso il terreno ai margini della sua fattoria biologica di sette acri nello stato di Pubjab nel nord dell'India.

Il fumo nero si alza lentamente dalla fattoria del suo vicino mentre le fiamme leccano vicino al terreno nelle risaie. Il vicino di Grewal sta bruciando la paglia residua dalle piante di riso raccolte per permettergli di seminare un nuovo raccolto, grano, rapidamente nello stesso campo.

"A parte quel breve periodo dell'anno in cui gli agricoltori bruciano le stoppie, la gente non si rende conto che gli agricoltori stanno effettivamente rimettendo ossigeno in aria, dimmi qualsiasi altra industria che lo stia facendo", dice Grewal.

Oltre alla sua settimana lavorativa di sette giorni in fattoria, Grewal ha una nuova missione: aiutare a raccontare la storia del contadino sul campo quando si parla della pratica meno conosciuta di "bruciare le stoppie", che è un enorme contributo all'inquinamento atmosferico in India.

"La bruciatura delle stoppie è una ferita che è stata lasciata insopportabile", dice Grewal.

Cosa sta bruciando stoppie?

Dopo che una risaia è stata raccolta con mietitrebbia, nel terreno sono rimasti stoppie e paglia.

Gli agricoltori dei primi due stati agricoli dell'India, il Punjab e l'Haryana, bruciano le stoppie all'aperto per preparare immediatamente i campi per la coltivazione del grano. Poiché gli agricoltori devono seminare il grano entro due settimane dalla raccolta del risone, bruciano la paglia per risparmiare tempo, lavoro e denaro.

Le stoppie di paddy sono un fenomeno relativamente moderno. È stato attribuito agli agricoltori il passaggio alle mietitrebbiatrici meccaniche negli 1980 che scremano dall'alto e lasciano 15 a 20 centimetri della risaia sul campo.

Tra la fine di settembre e la metà di novembre di ogni anno, i contadini del Punjab e dell'Haryana bruciano una stima di 35 milioni di tonnellate di residui colturali dopo aver raccolto il raccolto di riso.

"Gli agricoltori che bruciano le loro piante di riso avanzate rilasciano carbonio nero e gas come monossido di carbonio e ossido di azoto nell'atmosfera che contribuiscono allo smog che colpisce città come Delhi in determinati periodi dell'anno", afferma James Lomax, Sustainable Food Systems e Responsabile della gestione del programma agricolo presso l'ambiente delle Nazioni Unite.

Mentre il tribunale federale dell'ambiente indiano ha vietato la pratica di bruciare i residui delle colture in cinque stati, tra cui il Punjab e l'Haryana, la pratica continua.

Immagine

Un medico curante, tratta un paziente affetto da difficoltà respiratorie a Nuova Delhi

Gli effetti dannosi della bruciatura delle stoppie

L'inquinamento atmosferico da bruciatura delle stoppie raggiunge la città di Delhi. Altri fattori che contribuiscono alla scarsa qualità dell'aria della città comprendono la produzione di rifiuti aperti, i trasporti, l'industria e le centrali termoelettriche.

Come BreatheLife 2030 sottolinea il sito Web, l'Organizzazione Mondiale della Sanità mostra un livello 2.5 di Particulate Matter di Microgrammi 143 per metro cubo (media annuale) in città. Questo è oltre i tempi 14 al di sopra la linea guida dell'organizzazione di 10 μg / m3.

I livelli di inquinamento atmosferico sono così alti che molti residenti indossano maschere mentre i depuratori d'aria nelle case e nei luoghi di lavoro sono diffusi. Questo inquinamento ha persino costretto le autorità a ricorrere a misure di emergenza come chiudere le scuole e vietare la costruzione.

Incredibilmente, l'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che quasi 1.8 milioni di persone morire prematuramente in India ogni anno a causa dell'inquinamento atmosferico.

Immagine

Formazione per agricoltori in Punjab condotta da Pluc / # LetMeBreathe

Lo storytelling mobile consente agli agricoltori di raccontare le proprie storie

"Ci siamo resi conto che la bruciatura delle stoppie sta causando un sacco di inquinamento, ed è importante evidenziare storie imparziali da quelle persone che sono coinvolte nella pratica. Non importa quello che senti nei media, la realtà sul terreno è completamente diversa ", dice Tamseel Hussain di płuc che funziona Lasciami respirare l'India, una piattaforma che offre spazio per documentare e raccontare storie di vita e sopravvivere all'inquinamento atmosferico in India.

Let Me Breathe India incoraggia il dialogo su temi come la bruciatura delle stoppie. "Abbiamo appena fatto un allenamento straordinario per gli agricoltori del Punjab in ottobre", afferma Tamseel.

"Lo storytelling mobile ha trasformato le redazioni e il modo in cui visualizziamo i contenuti sui nostri schermi e telefoni cellulari. Gli agricoltori forniscono cibo sul nostro tavolo. Immagina se potessi imparare direttamente da loro e trovare i fatti che stanno dietro a problemi ambientali e di inquinamento a lungo termine ", afferma Shubham Gupta, un giornalista mobile pluripremiato di 22 che ha condotto il corso di formazione. Shubham serve anche come capo storytelling per pluc.

In effetti, anche la reazione degli agricoltori che bruciano le stoppie è stata positiva. "La formazione è molto necessaria, ed è anche molto necessaria per consentire alle persone di esprimere la propria opinione e di superare alcuni dei miti rurali che circondano gli agricoltori e le loro attività", afferma Grewal.

Il movimento per fermare la combustione delle stoppie nel nord dell'India sta guadagnando slancio, forse in parte a causa di movimenti innovativi come Let Me Breathe India. Il gruppo afferma che l'impatto dell'inquinamento a lungo termine è spesso ignorato e l'attenzione dei cittadini sulle questioni stagionali deve cambiare.

Invece di incolparsi, Tamseel Hussain dice che c'è un approccio migliore. Attraverso narrazione mobile e corsi di formazione, gli agricoltori possono aumentare la propria voce invece di lasciare che altri parlino per loro.

Gli agricoltori stessi nella regione stanno prendendo l'iniziativa per porre fine alla combustione delle stoppie. Ad esempio, alcuni agricoltori hanno improvvisato strumenti economici per seminare il grano senza bruciare le stoppie delle risaie.

"La questione dell'inquinamento atmosferico in India è complessa e impegnativa. Per aiutare a combattere la crisi, l'ambiente delle Nazioni Unite in India sostiene il governo fornendo input tecnici per finalizzare il programma nazionale sull'aria pulita che mira a prescrivere standard di qualità dell'aria media annuale in tutte le località del paese ", afferma Atul Bagai, ONU Ambiente , Country Head India.

A ottobre 2018, un alto funzionario del governo, ha dichiarato che l'India punta a ridurre il consumo di stoppie del 70 per cento nel Punjab e nell'Haryana.

"Dobbiamo trovare una soluzione per bruciare le stoppie. Sono asmatico, quindi sono sensibile al problema da entrambe le parti. Con iniziative come quella di Tamseel, noi allevatori siamo finalmente ascoltati mentre impariamo di più sul danno che la stoppia brucia alle persone che vivono in città come Delhi attraverso l'inquinamento atmosferico ", dice Grewal.

"Non c'è ragione per cui un burocrate, un imprenditore e un agricoltore creativo non possano sedersi insieme per trovare una soluzione".

Let Me Breathe's video: La verità dietro la bruciatura delle stoppie raccontata dagli agricoltori del Punjab

Leggi l'originale: Lo storytelling mobile può aiutare a porre fine al flagello che brucia le stoppie in India?


Foto banner di Neil Palmer (CIAT) /CC BY-SA 2.0