A Bogotá, i giovani imprenditori assumono un ruolo guida nella promozione di stili di vita sostenibili: BreatheLife 2030
Aggiornamenti città / Bogota, Colombia / 2018-09-27

A Bogotá, i giovani imprenditori assumono un ruolo guida nella promozione di stili di vita sostenibili:

Gruppi di giovani nella capitale della Colombia stanno affrontando la sfida globale dell'efficienza delle risorse a livello locale

Bogota, Colombia
Forma Creato con Sketch.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul sito web delle Nazioni Unite.

Nell'anno 2050, un incredibile 66 per cento della popolazione umana vivrà nelle città - un aumento dell'12 per cento da 2015.

L'urbanizzazione ha molti vantaggiad esempio in termini di efficienza energetica, distribuzione delle risorse e fornitura di servizi di base, ma nessuno di questi guadagni sarà raggiunto se le città continuano ad essere progettate e costruite nello stesso modo in cui sono state fino ad ora.

Un recente studio del Resource Panel internazionale delle Nazioni Unite mette in guardia la quantità di risorse naturali e materie prime che le città utilizzano ogni anno aumenterà di 125 per cento se non verranno apportate modifiche, passando da 40 miliardi di tonnellate in 2010 a quasi 90 miliardi di tonnellate da 2050. Questo è più di ciò che il pianeta può fornire in modo sostenibile.

A Bogotá, la capitale della Colombia, gruppi di giovani stanno già affrontando questa sfida globale a livello locale, attraverso progetti innovativi che promuovono l'uso efficiente delle risorse naturali.

Il progetto "# EnModoAcción", sviluppato dall'Università El Bosque di Bogotá e dall'UN Environment, mira a dare visibilità alle iniziative realizzate da giovani che sostengono stili di vita sostenibili in settori come la mobilità, il cibo, l'alloggio, i beni di consumo e il tempo libero.

Diana Martínez e Diego Ospina sono due giovani imprenditori che lavorano per una città più rispettosa dell'ambiente e che credono che il cambiamento inizi con piccole decisioni quotidiane.

I due hanno intrapreso attività molto diverse, ma con un obiettivo comune: ridurre l'impatto ambientale degli oltre otto milioni di persone che vivono nella capitale colombiana.

Martínez ha co-fondato la società "Bioambientar" e il movimento #CompostarColombia un anno fa. Incoraggia la sana gestione dei rifiuti organici, come gli sprechi alimentari, e promuove l'agricoltura urbana e il compostaggio domestico su larga scala.

"Bogotá produce ogni giorno tonnellate di rifiuti solidi di 7,000, di cui il 60% è rifiuti organici che vanno alle discariche, emettono gas serra e inquinano il suolo e le acque sotterranee scomponendoli all'aria aperta", dice Martínez.

Lei e il suo team hanno sviluppato un processo biotecnologico che riduce il tempo di decomposizione dei rifiuti da sei mesi a dieci giorni. Tra i suoi clienti ci sono ristoranti e supermercati che lavorano per migliorare i loro programmi di responsabilità sociale ambientale. Il team offre anche corsi di compostaggio domestico e insegna come costruire giardini urbani privi di pesticidi.

Il campo di Diego Ospina è la mobilità. Otto anni fa fondò "Mejor en bici" (meglio in bicicletta). Da allora, si è concentrato sul convincere gli abitanti di Bogotà dei benefici del ciclismo. Tra i suoi clienti ci sono aziende che noleggiano flotte di biciclette in modo che i loro dipendenti possano muoversi liberamente e in modo pulito.

"Credo che le biciclette siano la soluzione al problema degli ingorghi a Bogotá perché il ciclismo ci consente di arrivare a destinazione più velocemente. Il comune stima che trascorriamo una media di 22 giorni all'anno bloccati negli ingorghi del traffico ", si lamenta.

L'uso delle biciclette migliora la salute delle persone, incoraggia l'esercizio fisico e, soprattutto, ci impedisce di inquinare l'aria che respiriamo.

"Le città dell'America Latina hanno dato tutto il potere alle macchine e abbiamo finito per distruggere noi stessi; non abbiamo spazio per i parchi o per i pedoni. Ci siamo dimenticati degli esseri umani - è tempo di riconquistare lo spazio perduto ", dice Ospina.

Il progetto # EnModoAcción è iniziato un anno fa e da allora, più di giovani 600 sono stati coinvolti nelle sue varie attività, tra cui fiere, workshop, mercati, seminari e competizioni sui social network.

"I giovani hanno un crescente impegno ambientale, ma abbiamo scoperto che quasi la metà dei giovani che hanno partecipato alle nostre attività non sono consapevoli dell'impatto ambientale delle loro abitudini, e questo è il segmento che vogliamo influenzare", riconosce Luis Miguel Casabianca, dell'Università di El Bosque.

Oltre alle iniziative di Diana e Diego, il progetto promuove una serie di idee interessanti come "Abbigliamento Moda Sostenibile", che cerca di prolungare il ciclo di vita dei capi; "Rete di mercati agroecologici", incentrata sulla responsabilizzazione degli agricoltori locali e sul canale YouTube "Nana Murcia", dove un giovane influencer dà consigli e suggerimenti sulla vita sostenibile.

"In America Latina, l'80% della popolazione vive nelle città. Siamo una delle regioni più urbanizzate: è urgente adottare approcci innovativi che aiutino ad aumentare l'efficienza delle risorse, ma questi cambiamenti non saranno raggiunti se non trasformeremo gli stili di vita individuali nelle comunità urbane ", afferma Adriana Zacarías, coordinatrice regionale di Efficienza delle risorse nell'America delle Nazioni Unite in America Latina e nella regione dei Caraibi.

"Attraverso questo progetto, speriamo di rafforzare le capacità e le capacità di quei giovani che stanno già cercando di costruire società più sostenibili e incoraggiare gli altri a generare, attraverso l'innovazione, soluzioni alternative alle sfide ambientali del presente", aggiunge.

La quarta sessione dell'Assemblea ambientale delle Nazioni Unite si svolgerà a Nairobi, in Kenya, da 11-15 March 2019, sul tema "Soluzioni innovative per le sfide ambientali e produzione e consumo sostenibili".


Banner foto di Claudio Olivares Medina,CC BY-NC-ND 2.0.